News

News

Nuova offerta di tecnologia

12/03/2012
Il centro di ricerca propone una tecnologia per la produzione materiali ceramici ultraleggeri che siano, oltre che isolanti termicamente, anche resistenti al fuoco e traspiranti. I pannelli polimerici di natura organica oggi utilizzati per l'isolamento termico dell'edificio non sono traspiranti ed in particolare la loro infiammabilità e l'emanazione gas e fumi destano gravi preoccupazioni. Il processo produttivo è a basso costo, essi sono infatti ottenibili a freddo mediante consolidamento a bassa temperatura (25-120°C) per attivazione alcalina di metacaolini o altre materie prime alluminosilicatiche. Per via della loro natura completamente inorganica, questi materiali non bruciano o rilasciano alcun tipo di fumo o di gas, anche dopo una prolungata permanenza in flusso di calore, al massimo si sinterizzano o fondono. Pertanto sono adatti come materiali per – isolamento termico ed acustico in edifici o trasporti; – isolamento termico ed elettrico per usi domestici – coibentazione di mobilio per cucina; – isolamento termico ed acustico per impianti farmaceutici, bio-medici, alimentari. A differenza dei cementi a base di calcio (come cemento il Portland), non contengono acqua all'interno della struttura cristallina e sebbene siano trattati a temperature inferiori a 150 ° C (tipicamente 80 ° C a 120 ° C), possono resistere a temperature fino a 1200 ° C (a lungo termine di esposizione) senza alcun rischio di esplosione per la formazione di vapore acqueo. Inoltre la traspirabilità, ossia la proprietà di "respirare" in costante equilibrio igrometrico con l'interno di una abitazione, è un’altra proprietà di questi materiali che li rendono eccellenti per l’isolamento contro il calore.

Dettagli